POVOLETTO. Il tetto di un un’abitazione di Savorgnano del Torre, nel comune di Povoletto, ha preso fuoco, nella serata di ieri, e ha tenuto impegnate tre squadre di pompieri per diverse ore.

La telefonata con richiesta di aiuto è arrivata al Comando provinciale dei vigili del fuoco di Udine attorno alle 20.15 e da quel momento, a mano a mano che il bagliore delle fiamme si faceva più visibile e il fumo più denso, molte persone sono scese in strada e sono accorse verso l’abitazione, per capire se e come fosse possibile dare a loro volta una mano.

L’incendio ha interessato uno degli appartamenti di un immobile plurifamiliare, nuovo e realizzato in bioedilizia, al civico 17 di via Nuova, una strada poco distante dalla piazza principale del paese. A rimanere danneggiato è stato il tetto di una sola abitazione e a questo potrebbe avere contribuito anche il pronto intervento dei pompieri.

Sul posto sono state fatte convergere squadre da Gemona, Cividale e Udine, ossia quasi tutte quelle disponibili in quel momento, visto che le altre erano già impegnate nell’incendio divampato nel primo pomeriggio alla “Bipan” di Bicinicco. Attorno alle 22, poi, un altro mezzo è stato dirottato in via del Cotonificio, a Udine, per l’incendio della canna fumaria di un’abitazione.

Stando alle poche informazioni raccolte in tarda serata, mentre gli uomini erano ancora al lavoro, anche a Savorgnano il rogo è partito dalla canna fumaria, risalendo in breve fino al tetto, tutto in legno e occupato in parte da pannelli fotovoltaici. Per i danni riportati, la casa è stata dichiarata inagibile.

dal Messaggero Veneto del 16 novembre 2015